I Borghi di Octavia

Votignasch e ij gust dla tera

Votignasch a l’ha, an tra ij pais d’Octavia, n’anliura particolar con ël crin: ambelessì a nass la “Sautissa nòbila”, prodòta artigianalment seguend ën dissiplinar rigoros ch’a prëvëd l’usagi esclusiv ëd carn ëd crin màira (filet, lonza, cheussa e spala), ansema a lard e pansëtta, con macinadura a disch e gionta dë spessie ën mzure mantnùe rigorosament segrete.

Ël salam a gòd dl’arconossiment ëd De.Co. (Denominassion Comunal) da l’avrì dël 2016. Tìpich ëd Votignasch a l’é peui l’anlevament ëd crin për produve salam, sia artigianalment (come a pudìa capité ënt le cassin-e fin-a a l’àutr sécol), sia ën manera industrial, an asiende ch’as treuvo davzin al pais.

«.ambelessì a nass la “Sautissa nòbila”, prodòta artigianalment seguend ën dissiplinar»

Scoprire Vottignasco

Vottignasco è un paese che vi prende per la gola, è infatti qui che trova origine la Salsiccia nobile un insaccato che gode della Denominazione Comunale DE.CO che viene prodotta artigianalmente seguendo un rigido disciplinare che prevede l’utilizzo esclusivo di carne di maiale magra. In questa area la salsiccia viene prodotta e commercializzata, quindi se siete appassionati di carni e insaccati mettetevi il cuore in pace e venite ad assaggiare un prodotto a km zero dalla qualità eccezionale.

Già che ci siete non dimenticatevi di visitare la Chiesa parrocchiale della Sacra Famiglia realizzata su progetto di Giovenale Boetto, uno dei principali architetti barocchi piemontesi. Il paese si raccoglie tutt’attorno a questo edificio, quindi non potrete non trovare la via giusta!

Chiesa della sacra famiglia

Edificata progetto di Giovenale Boetto, oggi parrocchiale, sopra il portale d’ingresso conserva un affresco che riproduce il Castello di Vottignasco.
Visitabile su richiesta. Tel. (Parrocchia): 0171 941015.
Indirizzo: Via Roma, 13a.

Cappella di San Rocco

Eretta dopo il 1630, è un edificio di piccole dimensioni decorato
sobriamente; sulla facciata è presente un bell’affresco.
Visitabile su richiesta. Tel. (Parrocchia): 0171 941015.
Indirizzo: Strada Tetti Falchi, 15.

Ruderi del Castello

Costruito per rafforzare le difese del marchesato,
passò alla famiglia Falletti, oggi se ne conservano i ruderi.

Visitabili liberamente. Indirizzo: Via Molino, 9.

Santuario della Madonna del Bosco

Eretta nel 1600 e rimaneggiata nel 1723, sorge fuori dal centro abitato.

Visitabile liberamente a maggio e nei festivi.

Indirizzo: Via Saluzzo, zona Cimitero.

Confraternita dell’Assunta

Piccolo edificio nel XVI secolo, caratterizzato dall’assenza della facciata che
conserva al suo interno la preziosa testimonianza della vitalità del culto locale.

Visitabile su richiesta. Tel. (Parrocchia): 0171 941015.
Indirizzo: Via Confraternita, 3.

Dëscheurbe Votignasch

Votignasch a l’é ën pais ch’av pija për la gola: a l’é an efet ambelessì ch’a nass la Sautissa nòbila, ën salam ch’a gòd dl’arconossiment ëd De.Co. (Denominassion Comunal) e ch’a ven prodòta artigianalment seguend ën dissiplinar rigoros ch’a prëvëd l’usagi esclusiv ëd carn ëd crin màira. Ën costa zòna la sautissa a ven prodòta e butà ën comersi: donca s’i seve apassionà ëd carn e salam buteve ‘l cheur ën pas e mnì a tasté ën prodòt a chilòmetro zero da la qualità foravia.

E già che i-i seve dësmentieve nen ëd visité la Cesa parochial dla Sacra Famija, costruìa su proget ëd Giovenal Boetto, un dij prinsipaj architet baròch piemontèis. Ël pais as cheuj tut antorn a cost edifissi: donca i peude nen sbalieve!

Cesa dla Sacra Famija

Edificà a la fin dël Sessent su proget ëd Giovenal Boetto, la cesa parochial as treuva ënt ël cheur dël pais. L’edifissi a presenta na faciada coronà da ën fronton con arch e ën portal afiancà da doi pilastr ch’a coro longh tuta la faciada. Dzora al portal d’intrada as treuva n’afresch ch’a figura la Sacra Famija e ën slë sfond ël Castel ëd Votignasch. Andrinta, l’edifissi a l’é organisà ën tre navà con quat capele lateraj: cola dij sant Fransesch e Antòni ch’a j’era dle famije Farigliano e Baretta, peui cola dla Madòna dël Rosari, la capela dl’Angel Guardian dla Famija Cerutti e la Capela ‘d Santa Brigida e dël Sacher Cheur. Ënt ël presbiteri a dòmina l’altar magior, ch’a l’é stàit catà dël 1754 da la cesa ‘d San Pero ‘d Savian. Ënt l’abside a-i é ël magnìfich quàder dla Sacra Famija, d’autor sconossù, mentre che ai lat as peulo veghse j’afresch ëd Luis Morgari ch’a figuro la Fuga an Egit e l’Adorassion dij Re Mago. La vòlta a l’é ornà con ij quat Evangelist, San Giusep e Gesù Giùdes, ël Bon Pastor, l’Assunta, l’Angel Guardian e San Pero. Daré dl’altar as peulo veghse ‘l còr ëd bòsch e l’òrgo.

Capela ‘d San Ròch

Edificà probabilment durant la pest dël 1630 për invoché la protession dël Sant, la cesa as treuva ën località Tèit Falchi. As trata ‘d n’edifissi a aula unica. Tra j’element significativ a venta segnalé l’afresch ën sla faciada rafigurant ël sant titolar e ‘l dipint a l’intern ch’a figura San Ròch e San Defendent ën preghiera dacant al tron dla Madòna dël Pilar.

Ruin-e dël castel

Costruì ënt l’ansem dij domini ‘d Salussi për dé fòrsa a la periferìa dël marchesà, ël castel a l’é stàit oget ëd doe fasi ‘d costrussion: un-a anterior al sécol XIII e l’àutra a la fin dël Quatsent, quand ch’a l’é stàit dàit ën feud a la famija Falletti. La strutura a arzulta costituìa da ën seul ëd ciapele dël Màira travajà a spin-a ‘d pess, gropà da la malta, mentre che ënt la fase sucessiva as nòta ën seul ëd laterissi come element ëd rinfòrs. Ël castel a l’avìa na funsion ëd contròl arlongh la via ‘d comunicassion pì batùa e a garantìa la protession dël sénter dla cort e dle ca dij masoé disperse ënt l’area. Ël castel a j’era circondà da ën fossà e dal bisson ch’a lo separava dal borgh anté ch’as truvavo la cesa, ël camposanto, la taverna, ël mulin e le ca. As trata nen ëd na costrussion ëd gròsse dimension, e probabilment oltre a cola militar a l’ha avù la fonsion ëd depòsit e magasin ëd vin, biave, legum e via fòrt e leu d’arfugi për j’abitant ënt ij moment ëd perìcol. La sòlida fortëssa a l’ha nen soportà l’atach ëd Gioann Ludvig Bolleri, sgnor ëd Sental, che, giutà dai fransèis a l’ha rasala dël 1537. Ancheuj as peulo veghse mach le ruin-e lassà a la mersì dël temp, ch’a l’ha completà l’euvra ‘d distrussion.

Santuari dla Madòna dël Bòsch

La cesa a l’é stàita edificà anté che la tradission a buta l’aparission dla Madòna a na pastoranta muta dël 1648. Da prinsipi ‘l pare dla cita, varìa ën manera miracolosa da la Vérgin, a l’ha costruì a soe spèise ën pilon, peui sostituì da na cita capela për volontà dla comunità ëd Votignasch.

Dël sécol XVIII a l’é peui stàit edificà ël Santuari odiern, da lë stil architetònich misurà, organisà ënt n’ùnica sala con presbiteri e altar ëd laterissi dzormontà da na stàtua dla Madòna con Bambin. Daré a l’altar as treuva ën cit còr; la vòlta a l’é afrescà con dipint dij quat Evangelista e l’afresch dl’aparission dla Madòna dël Bòsch a un grup ëd pastorant. A l’estern la faciada a piuvent, caraterisà da na linea mòrbida dij cop, a l’é ancornisà da doi pilastr. Ël nòm dël Santuari a ven dai tanti bòsch ch’a prosperavo da la part dël Màira.

Confraternita dl’Assunta

Edificà dël sécol XVI, la cesa as presenta con na strutura sempia e linear scond la tradission costrutiva comun-a a tanti edifissi sacher d’area rural. L’intern a l’é organisà ënt na cita sala retangolar, mentre che a l’estern la faciada a l’ha nen ëd linie dë stil. L’altar a l’é ën laterissi con na cuvertura dë stuch ch’a conten la mistà dl’Assunta circondà da angej, San Giusep e San Gerolam. Davzin a l’altar as peulo veghse le statue ‘d San Gioann e San Giòbe. Ël cioché ëd mon grossé dëscovert a l’é dël 1783, e la piassa esterna a la cesa a j’era anticament destinà a camposanto.

Cavallerleone si racconta

Edificata alla fine del 1600 su progetto di Giovenale Boetto la chiesa parrocchiale sorge nel cuore del paese. L’edificio presenta una facciata coronata da un frontone con archi ed un portale affiancato da due lesene che occupano in lunghezza tuta la facciata. Sopra il portale d’ingresso si trova un affresco raffigurante la Sacra Famiglia e nello sfondo il Castello di Vottignasco. All’interno l’edificio è organizzato in tre navate con quattro cappelle laterali: quella dei santi Francesco e Antonio apparteneva alle famiglie Farigliano e Baretta, a seguire quella della Madonna del Rosario, la cappella dell’Angelo Custode della Famiglia Cerutti e la Cappella di Santa Brigida e del Sacro Cuore. Nel presbiterio domina l’altare maggiore che venne comprato nel 1754 dalla chiesa di San Pietro di Savigliano. Nell’abside vi è il magnifico quadro della Sacra Famiglia di autore ignoto mentre ai lati si possono vedere gli affreschi di Luigi Morgari raffiguranti la Fuga in Egitto e l’Adorazione dei Magi. La volta è ornata con i 4 Evangelisti, S.Giuseppe e Gesù Giudice, Il Buon Pastore, l’Assunta, l’Angelo Custode e San Pietro. Dietro l’altare è visibile il coro ligneo e l’organo.

Edificata probabilmente durante la peste del 1630 per invocare la protezione del Santo, la chiesa sorge in località Tetti Falchi. Si tratta di un edificio ad aula unica. Tra gli elementi significativi si segnalano l’affresco sulla facciata che ritrae il santo titolare ed il dipinto al suo interno che raffigura San Rocco e San Defendente in preghiera presso il trono della Madonna del Pilar.

La chiese è edificata nel luogo dove la tradizione colloca la apparizione della Madonna ad una pastorella muta nel 1648. Inizialmente il padre della bambina, miracolosamente guarita dalla Vergine, costruì a sue spese un pilone, successivamente sostituito da una cappelletta per volontà della comunità di Vottignasco.

Col XVIII secolo venne poi edificato il Santuario attuale dallo stile architettonico sobrio, organizzato in un’unica sala con presbiterio e altare in laterizio sormontato da una statua della Madonna con Bambino. Nel retro dell’altare è presente un piccolo coro e la volta è affrescata con dipinti dei 4 Evangelisti e l’affresco dell’apparizione della Madonna del Bosco ad un gruppo di pastorelli. All’esterno la facciata a spioventi, caratterizzata da una linea sinuosa del tetto, è incorniciata da due lesene. Il nome del Santuario è dovuto ai molti boschi che prosperavano dalla parte del Maira.

Costruito nell’ambito dei domini saluzzesi per rafforzare la periferia del marchesato, il castello è stato oggetto di due fasi costruttive: una anteriore al XIII secolo e l’altra tardo quattrocentesca quando venne dato in feudo alla famiglia Falletti. La struttura risulta costruita da una cortina di ciottoli del fiume Maira lavorata a spina di pesce, legati dalla malta, mentre nella fase successiva si nota una cortina laterizia come elemento di rinforzo. Il castello svolgeva una funzione di controllo lungo la via di comunicazione più battuta e garantiva la protezione del centro curtense e delle case massaricce disperse nell’area. Il castello era circondato da un fossato e dalla siepe che lo separava dal borgo dove sorgevano la chiesa, il cimitero, la taverna il mulino e le case. Non si tratta di una costruzione di grandi dimensioni e probabilmente oltre a quella militare, ebbe la funzione di castello di deposito e magazzino di vino, biade, legumi ecc.. e luogo di rifugio per gli abitanti nei momenti di pericolo. La solida fortezza non resse all’assalto di Giovanni Lodovico Bolleri, signore di Centallo, che, aiutato dai francesi la rase al suolo nel 1537. Ora del castello sono visibili solo le rovine lasciate in balìa del tempo che ha completato l’opera distruttrice.

Edificata nel XVI secolo, la chiesa si presenta con un struttura semplice e lineare secondo la tradizione costruttiva che accomuna molti edifici sacri di area rurale. L’interno è organizzato in un piccola sala rettangolare, mentre all’esterno la facciata è priva di linee stilistiche. L’altare è in laterizio con un paliotto in stucco contenente l’icona dell’Assunta circondata da angeli S.Giuseppe e S. Gerolamo. Vicino all’altare sono visibili le statue di S. Giovanni e S. Giobbe. Il campanile in rozzo mattone scoperto risale al 1783 e il piazzale esterno alla chiesa anticamente era destinato ad area cimiteriale.

Il sentiero è intitolato a Bruno Tortone nel tratto verso Vottignasco e a Franco Pacifico nel tratto verso Cavallermaggiore, fa parte di un progetto di percorso ciclabile lungo il torrente Maira che dalla città di Racconigi raggiunge Villar san Costanzo. Provvisto di aree di sosta attrezzate, il cammino permette di percorrere ciò che resta dell’antico bosco fluviale. Il Sentiero sul Maira è un percorso turistico promosso dalla Compagnia del Buon Cammino (associazione nata nel 1996 con sede a Cuneo che riunisce Comuni, Enti, Associazioni, Imprenditori e privati cittadini intenzionati a valorizzare il proprio territorio dal punto di vista turistico, grazie alla tutela ambientale, all’identità del paesaggio e al patrimonio socio-culturale) e dagli otto comuni lambiti dal torrente Maira. Si tratta di un itinerario percorribile a piedi, a cavallo o in mountain bike, completo di segnaletica relativa al percorso e all’ambiente naturale attraversato, che da Racconigi conduce fino a Villar San Costanzo, toccando i comuni di Cavallerleone, Cavallermaggiore, Savigliano, Vottignasco, Villafalletto e Busca.